Fino al 19 gennaio 2020 un itinerario diffuso nella città metropolitana di Bologna

In occasione del bi-centenario della nascita del pittore bolognese Alessandro Guardassoni (1819-1888), l’Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna, la Fondazione Gualandi a favore dei sordi, l’Istituzione Bologna Musei|Musei Civici d’Arte Antica e la Diocesi di Bologna hanno realizzato un itinerario diffuso nella città metropolitana per valorizzare l’attività dell’artista: dal naturalismo storico-romantico alla svolta purista sino allo sviluppo di un linguaggio devozionale, che fece di lui il più importante pittore ecclesiastico di Bologna nel XIX secolo.

 

ALESSANDRO GUARDASSONI (1819-1888)

Un pittore bolognese tra romanticismo e devozione

 

L’evento è curato da Silvia Battistini (Collezioni Comunali d’Arte) e Claudia Collina (Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna), con la collaborazione di Chiara Sanfelici (Fondazione Gualandi a favore dei sordi), Patrizia Tamassia (Istituto per i Beni Artistici, Culturali e Naturali della Regione Emilia-Romagna) e Valentina Volta.

Per illustrare la poliedrica figura di Guardassoni nel contesto della pittura bolognese, italiana e internazionale a lui coeva, tre distinti eventi poongono il focus su aspetti differenti della sua attività:

– alle Collezioni Comunali d’Arte una mostra, dedicata alla pittura di storia sacra e profana, con 30 dipinti provenienti principalmente dalla Fondazione Gualandi, che dialogano con quelli dei maestri e degli artisti a lui coevi, come Napoleone Angiolini, Cesare Masini, Adeodato Malatesta, Giulio Cesare Ferrari, Pietro Montebugnoli, Antonio Muzzi, Alfonso Savini e Luigi Serra;

– negli spazi nobili della Fondazione Gualandi un’esposizione di 60 bozzetti e disegni preparatori per le pitture realizzate nelle chiese bolognesi, insieme a un itinerario virtuale – realizzato dagli studenti del Dipartimento di Architettura dell’Università di Bologna-Corso di laurea in design del prodotto industriale – per far cogliere al visitatore in modo immediato la relazione tra le fasi preparatorie e i lavori finiti.

– un itinerario tra le chiese della Città Metropolitana per scoprire le pitture parietali e le pale d’altare dipinte da Guardassoni; è predisposta una mappa per raggiungerle con facilità e sono organizzate visite guidate specifiche.

Sono previste anche due visite guidate accessibili per le persone sorde, le cui date sono in fase di definizione.

Informazioni e prenotazioni: www.artefede.com