La Consulta tra Antiche Istituzioni Bolognesi risponde all’appello dell’Istituto per anziani Sant’Anna e Santa Caterina di Bologna e stanzia una prima somma di 6mila euro per l’acquisto di mascherine,  dispositivi di protezione per operatori e degenti, alcuni dei quali colpiti dal coronavirus nei giorni scorsi.

“Di fronte all’appello del presidente dell’Istituto Gianluigi Pirazzoli, immediatamente tutte le realtà della nostra Consulta hanno risposto positivamente con una gara di solidarietà e di impegno civico ‒ raccontano il coordinatore Roberto Corinaldesi ed il vice coordinatore Gianluigi Pagani ‒ abbiamo quindi attivato la Farmacia San Giorgio di via Ferruccio Garavaglia che ha effettuato la consegna delle mascherine a protezione dei tanti operatori che lavorano all’interno della struttura. Siamo vicini, con il cuore e con questo piccolo gesto di solidarietà, ai degenti ed ai lavoratori del Sant’Anna colpiti dal coronavirus e alle famiglie degli anziani defunti”.

Tra gli enti coinvolti che hanno contribuito alla raccolta fondi vi sono la Fondazione Pio Istituto Sordomute Povere e la Compagnia dell’Arte dei Brentatori che hanno versato la somma più consistente, l’Antichissima e Nobilissima Compagnia dei Lombardi, la Fabbriceria di San Petronio, la Fondazione Gualandi e l’Istituto dei Ciechi Francesco Cavazza, la Società Medica Chirurgica Bolognese, l’Associazione per le Arti Francesco Francia e la Mutua Salsamentaria.

“La nostra Consulta vuole intensificare le proprie attività a favore di Bologna e dei bolognesi – conclude il coordinatore Corinaldesi – un sentito ringraziamento va alle Istituzioni che fanno parte della Consulta alle quali siamo eternamente debitori del bene che hanno saputo compiere nell’interesse della città di Bologna”.